I have the simplest tastes. I am always satisfied with the best

 

 Oscar Wilde 

I contributi condivisi vogliono sensibilizzare il cittadino su temi e pratiche di salvaguardia ambientale applicabili nelle attività costruttive, lavorative e produttive di tutti i giorni, quali recupero edilizioefficienza energeticaedilizia sostenibileenergia da fonti rinnovabiliigiene urbana.

Commenta gli articoli e condividi le tue opinioni e conoscenze.

Contattaci per approfondire uno specifico argomento.

Sezioni del blog

 

Blog - Architettura e Recupero Edilizio

Ristrutturazioni - 2) il contratto tra il cliente e il progettista

 Il contratto tra il cliente e il progettista

Il progettista è il rappresentante tecnico del cliente. Traduce i desideri e i bisogni del cliente, prima nel lavoro progettuale, poi nella trasposizione del progetto nelle opere in cantiere. Difende le ragioni del committente con la ditta ma valuta e riconosce le esigenze della ditta, quando reali. 

Per questi motivi il cliente deve avere ben chiaro ciò che il progettista può e deve fare e ciò che invece ricade fuori dalla delega. Avere a disposizione un progettista non significa pretendere la realizzazione di ogni desiderio. Ci sono dei paletti, normativi e tecnici che regolano l’attività. Ugualmente, il progettista non deve assecondare a qualsiasi costo il cliente. Per questi motivi i contenuti del rapporto tra cliente e progettista è bene siano formalizzati in un contratto chiaro. 

Il contratto deve prevedere una lista di compiti primari che il progettista deve portare a termine e di attività secondarie che possono essere realizzate su richiesta. Devono figurare parametri economici, tempistiche, modalità per l’adempimento del contratto, per le attività base e per quelle opzionali. Gli accordi possono anche prevedere che il progettista possa essere di aiuto per ciò che riguarda le modalità di utilizzo dei bonus previsti dall'Agenzia delle Entrate in merito alle detrazioni per ristrutturazioni., tuttavia la gestione dei processi fiscali ricade usualmente sotto la supervisione del proprio commercialista che se ne assume la responsabilità.

 LE FASI DI LAVORO

Come abbiamo già accennato si possono individuare macroscopicamente tre fasi di lavoro per il nostro referente, tutte definite dalla legge: la progettazione, la direzione dei lavori, il collaudo.

La progettazione concerne il concepimento dell’idea progettuale, la redazione degli elaborati grafici e la predisposizione dei documenti inerenti e le procedure. Nel codice degli appalti la progettazione è strutturata come preliminare, definitiva, esecutiva. Per progettazione esecutiva, si intende la fase della progettazione in cui l’opera è definita cantierabile, ossia si può fisicamente iniziare il cantiere, avendo a disposizione, tutti i dettagli sia grafici che contenutistici che riguardano le attività operative del cantiere.

Nelle procedure sono incluse la redazione di elaborati grafici, le relazioni tecniche, documentazione necessaria (visure, estratti di mappa, ecc.) per la presentazione della pratica presso il Municipio e presso gli enti locali per l’ottenimento dei permessi. Accanto alla figura del progettista possono essere presenti altre figure più specialistiche. A volte avviene, soprattutto nei casi più complessi, che il responsabile della progettazione non possa curare tutti gli aspetti di una ristrutturazione. Per questo motivo altri progettisti coadiuvano e sono responsabili della progettazione di altri ambiti quali: la sicurezza, gli impianti (elettrici/termoidraulici), le strutture ecc.


Con l’inizio dei lavori il progettista assume il ruolo di Direttore dei Lavori. La direzione dei lavori ha come compiti principali:

1) controllare che i lavori siano svolti come prescritto dal progetto e nelle modalità stabilite dal contratto;

2) Verificare per conto del cliente la qualità delle esecuzioni;

3) In caso di cambiamenti, adoperarsi perché le variazioni siano formalmente e concordemente accettate dalla ditta esecutrice e dal cliente stesso prima della messa in opera, e contestualmente approntare le pratiche necessarie presso gli enti di riferimento;

4) Collaudare i lavori.


L’ultima fase riguarda la conclusione dei lavori. La predisposizione del collaudo concerne sia la conclusione dell’iter amministrativo, presso il municipio, sia la verifica tecnica in contraddittorio con il responsabile della ditta esecutrice, eventualmente vi fossero contenziosi. Se il punto 3 è stato condotto nel migliore dei modi, questa è solo una formalità.

Il progettista/collaudatore verifica l’idoneità dei lavori eseguiti e, ove necessario, gli interventi suppletivi per il completamento del contratto.

La Niross è lieta di offrire competenze, esperienza e supporto per la progettazione, l’adempimento delle procedure amministrative e la successiva realizzazione. Per una valutazione preliminare gratuita, contattare: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

 

Passa al suggerimento n. 1 
Passa al suggerimento n. 3
Passa al suggerimento n. 4
Passa al suggerimento n. 5

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna